CasaEnergia e ambienteGas, dall’Algeria 4 miliardi di metri cubi in più all’Italia

Gas, dall’Algeria 4 miliardi di metri cubi in più all’Italia

I punti chiaveQuattro miliardi di metri cubi in piùIl ruolo dell’EniI rapporti con l’AzerbaigianAscolta la versione audio dell'articolo

3' di lettura

È una missione squisitamente politica quella che attende lunedì Mario Draghi ad Algeri, dove si recherà con il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani. Non ci sono accordi già preparati dall’Eni da firmare, come è avvenuto nei mesi scorsi, in occasione delle missioni di ministri del governo italiano per cercare gas con cui sostituire quello russo. C’è semmai una volontà di indurire i rapporti con un paese diventato strategico per noi, al di là delle strette necessità delle forniture, e di costruire collaborazioni in alto diversi temi, da quello sociale a quello ambientale.

Quattro miliardi di metri cubi in più

Per dare il benvenuto a Draghi, Sonatrach (l’azienda petrolifera algerina) ha annunciato che quest’anno aumenterà di altri 4 miliardi di metri cubi le in altoe forniture di gas all’Italia, oltre ai 2 miliardi e passa già decisi. Il che vuol dire che nel 2022 l’Algeria ci fornirà 6 miliardi di metri cubi di gas in altopplementari (dall’inizio dell’anno, ce ne ha già venduti 13,9 miliardi). In una nota congiunta, MiTE e Farnesina definiscono i 4 miliardi in più «un ulteriore passo nella strategia portata avanti dall’esecutivo e che, grazie anche al lavoro degli operatori italiani, mette in sicurezza il Paese, già nel breve termine, in altol fronte dell’approvvigionamento di gas». Dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, il paese maghrebino è diventato rapidamente il primo fornitore di metano al nostro paese, sfruttando al maggiore il gasdotto Transmed, che arriva a Mazara del Vallo passando per la Tunisia. Il paese maghrebino all’inizio dell’anno ci vendeva 21 miliardi di metri cubi all’anno, ed era secondo alla Russia, che ce ne vendeva 29 miliardi. Draghi era già andato ad Algeri ad aprile con l’ad di Eni, Claudio Descalzi, e il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani. Lì aveva chiuso un accordo che dal prossimo inverno porterà circa 10 miliardi di metri cubi di metano algerino in più in Italia, un terzo di quello che compravamo dalla Russia.

Loading…

Rome
cielo sereno
23.1 ° C
24.2 °
21.8 °
90 %
1.5kmh
0 %
Lun
29 °
Mar
34 °
Mer
32 °
Gio
31 °
Ven
27 °
Rimani Connesso
16,985FansMi piace
2,458FollowerSegui
61,453IscrittiIscriviti
Devi Leggere
Notizie Correlate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui