CasaArti visiveLuigi Camarilla tra echi d’Omero e relitti di migranti

Luigi Camarilla tra echi d’Omero e relitti di migranti

Ascolta la adattamento audio dell'articolo

2' di lettura

I legni delle vecchie barche rivivono e brillano di colori sgargianti. E in loro echi d’Omero e del abisso delle civiltà. Sono occhi su un mondo lontano che oggi è ancor più periglioso per i disperati che vi si avventurano in cerca di una salvezza agognata e lontana. In occasione dell’Infiorata di Genzano di Roma che per la 244° edizione ha scelto per tema “La nostra Madre Terra” lo scultore siciliano Luigi Camarilla espone le sue sculture densamente metafisiche.
Cronistoria di una ricerca espressiva che intreccia pittura scultura e scrittura, nelle sale del cinquecentesco Palazzo Sforza Cesarini, la mostra scandisce i temi di Spiritualità, Mito e Tempo Presente esplorati dall’artista dal 1996 al 2022.

I pescatori siciliani e i migranti

Interamente realizzate con i legni sgargianti delle vecchie barche dei pescatori siciliani e dei migranti, materia prediletta che mette in luce lo spirito antropologico di un lavoro teso tra sentimento delle origini e impegno civile, le opere e installazioni ci parlano di tradizione iconografica della devozione popolare, di echi degli antichi personaggi omerici, di migrazioni dei popoli che impongono il dialogo tra le culture.

Loading…

Rome
poche nuvole
25.8 ° C
27 °
23.5 °
83 %
0kmh
20 %
Ven
33 °
Sab
34 °
Dom
35 °
Lun
36 °
Mar
31 °
Rimani Connesso
16,985FansMi piace
2,458FollowerSegui
61,453IscrittiIscriviti
Devi Leggere
Notizie Correlate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui