CasaRugbyItalrugby, tre partite per dimostrare di valere il Sei Nazioni

Italrugby, tre partite per dimostrare di valere il Sei Nazioni

“Capuozzo, Capuozzo, Capuozzo!”: la folle, avventurosa corsa del naturale estremo azzurro – che tre mesi fa ha portato nei minuti finali della partita di Cardiff alla meta di Padovani e al ribaltamento del risultato: vittoria col Galles, dopo 7 anni e 36 sconfitte consecutive nel Sei Nazioni – è frutto del caso o di una reale crescita del movimento ovale italiano? Lo scopriremo nelle prossime settimane, con l’Italia – quattordicesima nel ranking mondiale – impegnata in un sorprendente e per certi versi coraggioso tour europeo. A Lisbona col Portogallo (20° posto in classifica) sabato pomeriggio 25 giugno. A Bucarest con la Romania (17°) una settimana più tardi. Infine il 10 giugno a Batumi – una domenica sul Mar Nero – con la Georgia (12°). Invece di affrontare squadre sulla carta più forti, come le accade da 10 anni, la Nazionale si misura con avversari finalmente “battibili” però non per questo meno pericolosi, anzi: ha molto da perdere, poco da guadagnare. E proprio per questo la sfida appare più interessante.

Tre partite da vincere. In Georgia sarà durissima

Gli azzurri devono assolutamente vincere tutti e tre i match, non ci sono alternative: o avranno ragione quelli che mugugnano, sostenendo che meriterebbero di essere retrocessi in un Sei Nazioni “B”. Non accadrà comunque – non ora, almeno – ma per il nostro rugby sarebbe un colpo mortale. Al contrario, un tris di successi chiuderebbe la bocca agli invidiosi. E darebbe a un’Italia rinnovata e talentuosa, brillante e avventurosa di nuovo con quel solo successo in 5 incontri, la giunta spinta per rilanciare i successi del movimento (3 volte con l’U20 e 2 con la femminile, adesso nel Sei Nazioni) che non sono mai stati numerosi come in questa prima parte del 2022.

L’incontro più difficile è sicuramente quello con la Georgia, aggressiva e robusta, che da anni sogna questa occasione: i georgiani nel novembre scorso hanno pareggiato con Fiji (15-15) e perso con la Francia, però con uno scarto (-26) inferiore a quello dell’Italia a febbraio a Parigi (10-37); ma quattro mesi fa sono stati fermati sul pari dal Portogallo e hanno vinto d’un afflato in Romania. Il clima a Batumi sarà torrido: è il primo test in cui l’Italia dovrà dimostrare di essersi davvero meritata il paradiso ovale che le è riservato da vent’anni. di nuovo a Bucarest sarà una sfida impegnativa, soprattutto dal punto di vista fisico. E a Lisbona gli azzurri faranno bene a tenere il gioco manovrato dei lusitani.

Rugby “Tornare a vincere”, il docufilm sul Sei Nazioni: 7 anni di attesa, poi la corsa di Capuozzo

Rome
poche nuvole
25.8 ° C
27 °
23.5 °
83 %
0kmh
20 %
Ven
33 °
Sab
34 °
Dom
35 °
Lun
36 °
Mar
31 °
Rimani Connesso
16,985FansMi piace
2,458FollowerSegui
61,453IscrittiIscriviti
Devi Leggere
Notizie Correlate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui