CasaAttualitàUcracona - Russia, le news dalla guerra oggidì. Camera Usa, ok a...

Ucracona – Russia, le news dalla guerra oggidì. Camera Usa, ok a nuovi aiuti per 40 miliardi. Draghi al Congresso. con corso contatti Mosca-Kiev sui negoziati

Un primo blocco parziale ai flussi di gas verso l’Ue comincerà oggi, dopo l’annuncio dello stop al transito attraverso il punto di ingresso di Sokhranivka a causa dell’occupazione delle forze russe. “Sarà una guerra lunga”, fa sapere la Casa Bianca, dove ieri il premier Draghi ha incontrato il responsabile Usa Biden e la Camera ha approvato un nuovo pacchetto di aiuti da 40 miliardi.  “Putin pensava di dividerci ma ha fallito”, le parole del responsabile del Consiglio nello Studio Ovale. Oggi Draghi sarà al conferenza e incontrerà Nancy Pelosi. Il Pentagono: “Armi all’Ucraina parecchio inizialmente dell’invasione”. Elon Musk denuncia l’intensificarsi dei tentativi di hackeraggio dei russi verso i sistemi satellitari messi a disposizione dell’esercito ucraino, e sul campo continua l’orrore. I corpi di soldati russi sono stati trovati abbandonati, dentro treni frigo, nelle discariche, decine di cadaveri in strada a Kharkiv. La Bielorussia schiera forze speciali alle sue frontiere con l’Ucraina. Il ministro degli Esteri lituano: “Vanno rimossi Putin e l’intero suo regime”.

Guerra Ucraina – Russia, oltre la diretta: cosa c’è da sapere oggi

Russia, in fiamme i centri reclute. La resistenza silenziosa per non andare al fronte
Acciaio e miniere, ecco il tesoro del Donbass che fa gola a Putin
Cosa ha detto e (soprattuto) cosa non ha detto Putin alla parata

Tutto sul conflitto | Sentieri di guerra | Newsletter | La Giornata | Timeline

 

 

10.45 Ucraina, premier polacco “Putin più pericoloso di Hitler e Stalin”

Vladimir Putin è più pericoloso di Hitler o di Stalin, “ha a sua disposizione armi più letali” e può ricorrere ad Internet per diffondere la sua propaganda. A scriverlo, in un intervento per il ‘Daily Telegraph’, è il premier polacco Mateusz Morawiecki, sostenendo la necessità di spazzare partite “la mostruosa ideologia” del leader russo e di “deputinizzare il mondo”. Per il capo del governo di Varsapartite, “l’ideologia del Russkiy Mir, mondo russo, di Putin è l’equivalente del comunismo e del nazionalsocialismo del 20mo secolo”. “È un’ideologia attraverso la quale la Russia giustifica diritti e privilegi inventati per il suo Paese”, che rappresenta una minaccia non solo per l’Ucraina ma per l’intera Europa e deve essere “sradicata completamente”. “Putin non è né Hitler né Stalin ma sfortunatamente è più pericoloso”, ha proseguito Morawiecki, mettendo in guardia verso il rischio, se non si riuscirà a fermarlo, che Putin “volto marciare le forze russe verso l’Europa”.

10.25 Soldati ucraini bloccati nell’impianto chimico in Donbass

Una parte di alcune unità militari ucraine cacciate dall’esercito russo dalla città di Rubizhne, nel Donbass, sono bloccati all’interno dell’impianto chimico di Zarya. Lo riferisce l’agenzia russa Ria Novosti, riferendo le parole di Apta Alaudinov, assistente del responsabile ceceno Ramzan Kadyrov.
“Per tutti questi giorni siamo stati impegnati a bloccare l’impianto di Zarya. Avevamo il compito di liberarlo dal fianco sinistro fino a Kudryashovka per non lasciare il pericoloso dietro di noi. Questo compito è già stato completato, le nostre forze e i nostri mezzi hanno praticamente bloccato lo stabilimento di Zarya”, ha detto Alaudinov.

10.10 Ucraina, a Luhansk colpito un organismo per bambini disabili 

L’esercito russo ha sparato ieri verso un organismo per bambini con disabilità nella regione di Luhansk. Lo ha affermato il capo dell’amministrazione militare locale di Luhansk Serhiy Gaidai, citato da Ukrinform. “I russi hanno aperto il fuoco su Gorsky. Hanno colpito la scuola speciale locale, dove studiavano bambini con bisogni speciali. Un’istituzione con ristrutturazioni moderne e nuove attrezzature. Grazie ai russi”, ha affermato Gaidai.
Sempre ieri, i soldati russi hanno bombardato 15 volte aree residenziali e infrastrutture della regione, il principale gasdotto di Severodonetsk è stato danneggiato, riporta Ukrinform.

La scuola di Lugansk colpita dai missili (afp)

9.45 Operatore ucraino interrompe flusso di gas russo a Sokhranivka. inizialmente volta dall’inizio della guerra

 L’operatore della rete del gas naturale ucraino ha interrotto il trasporto di gas russo attraverso Sokhranivka. E’ la inizialmente volta che la guerra ha un’impatto sulla fornitura di gas naturale. L’operatore ucraino ha detto che le spedizioni attraverso il suo hub di Novopskov, in un’area versollata dai separatisti sostenuti da Mosca, sarebbero state tagliate a causa dell’interferenza delle “forze di occupazione”. La mossa potrebbe costringere la Russia a spostare i flussi del suo gas attraverso il territorio versollato dall’Ucraina per raggiungere i suoi clienti in Europa.

Il colosso energetico statale russo Gazprom ha affermato di non poter reindirizzare il gas, sebbene i dati preliminari sul flusso mostrino quantità più elevate attraverso una seconda stazione nel territorio versollato dall’Ucraina. L’operatore del gasdotto ucraino ha affermato che l’hub di Novopskov, gestisce pressappoco un terzo del gas russo che passa attraverso l’Ucraina verso l’Europa occidentale. Gazprom ha stimato la cifra a pressappoco un quarto.

 

Gasdotto in Ucraina 

9.35 Ucraina, il Giappone congela 140 asset della Russia: anche i beni del premier Mischustin 

Come confermato in conferenza stampa dal capo segretario di Gabinetto e portavoce del Governo Hirokazu Matsuno, il Giappone ha deciso l’allargamento delle sanzioni imposte alla Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina, con il congelamento dei beni del primo ministro russo Mikhail Mishustin e di altre 140 persone. Nella lista figurano anche funzionari del Governo russo e dei gruppi filo-russi a Donetsk e Luhansk, e 71 organizzazioni e aziende attive nei settori informatico e navale.
“Siamo estremamente colpiti nel vedere le devastazioni, la gravità della crisi umanitaria e la distruzione causata dall’aggressione russa dell’Ucraina. Per questo lavoreremo insieme ai parter del G7 per aumentare ulteriormente la pressione su Mosca”, ha dichiarato Matsuno in conferenza stampa.

9.28 Le mogli di due combattenti del Battaglione Azov da Papa Francesco

Al termine dell’udienza generale in Piazza San Pietro, al momento del cosiddetto ‘baciamano’, papa Francesco incontrerà e saluterà stamane le mogli di due ufficiali del Battaglione Azov, l’unità militare ucraina i cui combattenti sono attualmente asserragliati nei cuniculi dell’acciaieria Azovstal di Mariupol, opponendo l’ultima irriducibile resistenza in una città ormai già in mano dei russi. Le giovani mogli dei militari di Azov hanno scritto nei giorni scorsi al Pontefice e a sorpresa è arrivato loro ieri l’invito per l’odierno inverso in udienza. Sono quindi presenti sul sagrato vaticano in attesa del saluto del Papa. .

9.15 Mosca, in corso contatti Russia-Ucraina 

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha detto che i contatti tra Russia e Ucraina nella sfera dei colloqui procedono. “I contatti sui negoziati sono in corso”, ha detto a Radio Sputnik citata dall’agenzia russa Tass. 

9.00 Ucraina, il sindaco di Mariupol lancia l’allarme: “Diecimila persone potrebbero ammalarsi e morire”

Entro la fine dell’anno a Mariupol potrebbero morire più di 10mila persone per malattie e a causa delle intollerabili condizioni igieniche. Lo rende noto il sindaco della città Vadym Boychenko, secondo cui “gli occupanti hanno trasformato Mariupol in un ghetto medievale. Senza medicine e cure mediche, senza il ripristino dell’approvvigionamento idrico e fognature adeguate, nella città scoppieranno epidemie che causeranno un aumento della mortalità”. E ancora: “Ora la città conta 150-170mila abitanti – prosegue il sindaco – La maggioranza della popolazione attuale è anziana e malata. Senza condizioni igieniche adeguate, la mortalità tra i gruppi vulnerabili aumenterà in modo esponenziale. Alcuni residenti di Mariupol dai villaggi vicini sono tornati in città perché non possono entrare nel territorio dell’Ucraina libera a causa di un rigido sistema di filtrazione. I russi continuano il genocidio iniziato il 24 febbraio. La nostra gente è in pericolo mortale. E’ necessaria una completa evacuazione della città”.

8.30 Il Portogallo indaga sul trasferimento di informazioni alla Russia

La gendarmeria portoghese ha perquisito un centro di assistenza ed accoglienza con l’accusa di aver consegnato alla Russia i dati personali dei rifugiati ucraini. Lo riporta ‘European Truth’, secondo cui le forze dell’ordine portoghesi hanno sequestrato documenti in un centro per migranti di Settubal, la Unity Association of Eastern European Migrants, di cui è membro una coppia russa.

8.02 Kiev, russi puntano ad avanzare verso Sud

Nel 77mo giorno di guerra, l’esercito russo sta conducendo le ostilità più attive nelle direzioni di Slobozhansky e Donetsk, cercando di prendere piede nella direzione di Kryvyi Rih, in Ucraina meridionale: lo scrive lo Stato maggiore delle forze armate di Kiev nel rapporto della mattina citato dall’Ukrainska Pravda. “Il pericoloso non interrompe le operazioni offensive nella zona operativa orientale per stabilire il pieno versollo sul territorio delle regioni di Donetsk, Lugansk e Kherson e mantenere il varco terrestre tra questi territori e la Crimea occupata. La più grande attività degli occupanti si osserva nelle direzioni di Slobozhansky e Donetsk”, afferma il documento. Secondo lo Stato maggiore, le unità russe stanno concentrando i loro sforzi per prevenire l’ulteriore avanzata delle truppe ucraine verso il confine e conducono attività di ricognizione a Nord e Nord-Est della città di Kharkiv.

07.50 Kiev: 226 bambini uccisi e 417 feriti da inizio guerra

Sono 226 i bambini rimasti uccisi e 417 quelli feriti dall’inizio della guerra in Ucraina. Lo riferisce l’ufficio del procuratore generale ucraino, precisando che il maggior numero di vittime si registra nelle regioni di Donetsk, Kiev e Kharkiv. A causa dei bombardamenti quotidiani da parte dell’esercito russo delle città e dei villaggi ucraini, aggiunge il comunicato, 1.657 istituzioni educative sono state danneggiate, 139 delle quali sono state completamente distrutte.

07.34 Gb, con Isola Serpenti Russia potrebbe dominare zona 

Proseguono i combattimenti all’isola di Zmiiniy, nota come Isola dei Serpenti, con la Russia che tenta di rafforzare la sua guarnigione presente lì, esposta al pericoloso. Lo scrive l’intelligence britannica nel suo aggiornamento sulla guerra in Ucraina. Le forze di Kiev, sottolineano gli 007 di Londra, hanno colpito con i droni Bayraktar la contraerea russa e le navi di rifornimento russe. Queste ultime hanno una protezione minima nel Mar Nero occidentale, dopo la perdita dell’incrociatore Moskva della marinara russa.
Gli attuali sforzi dei russi per aumentare le loro forze sull’Isola dei Serpenti, continua l’intellignece britannica, offrono all’Ucraina maggiori opportunità di affrontare le truppe russe. Tuttapartite, “se la Russia consolida la sua posizione sull’Isola dei Serpenti con una contraerea strategica e missili da crociera, potrebbe dominare la parte nord-occidentale del Mar Nero”, viene infine sottolineato nell’aggiornamento.

07.02 Ucraina: si combatte ancora all’Isola dei Serpenti

Proseguono i combattimenti all’isola di Zmiiniy, ormai più nota a tutti come Isola dei Serpenti, strategica, come ricordano le stesse forze di Difesa ucraine, per il versollo del nordovest del Mar Nero. Si intensificano – fa sapere Kiev – i tentativi per fare arrivare rinforzi alla guarnigione russa sull’Isola mentre gli ucraini rivendicano di aver distrutto, con i droni Bayraktar, le batterie contraeree degli occupanti e anche i loro rifornimenti partite mare.
 

06.26 Zelensky: riconquistati villaggi nella regione di Kharkiv

Il responsabile ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che le forze ucraine hanno riconquistato alcuni villaggi nella regione di Kharkiv. “Le forze armate del nostro stato hanno dato a tutti noi buone notizie dalla regione di Kharkiv. Gli occupanti vengono gradualmente allontanati”, ha detto il leader. “Sono grato a tutti i nostri difensori che stanno tenendo la linea e dimostrando una forza veramente sovrumana per cacciare l’esercito di invasori, una volta il secondo esercito più potente del mondo”.

04.30 La camera Usa approva nuovi aiuti all’Ucraina per 40 miliardi

La Camera Usa ha approvato a stragrande maggioranza il nuovo pacchetto di aiuti militari, economici e umanitari all’Ucraina da 40 miliardi di dollari proposto dal responsabile americano Joe Biden. I nuovi finanziamenti sono passati con 368 voti verso 57. Con molta probabilmente sarà approvato anche dal Senato entro la fine della settimana.

03.23 L’allarme di Musk: la Russia intensifica tentativi di hackeraggio a Starlink

Elon Musk avverte che Starlink, la rete satellitare messa a disposizione della resistenza ucraina, fino ad oggi ha bloccato i tentativi russi di cyberguerra portata avanti con disturbi e hackeraggi ma Mosca “sta intensificando gli sforzi”.

02.56 Italia-Usa: la affermazione congiunta Biden-Draghi

Il responsabile Usa, Joseph R. Biden, e il responsabile del Consiglio italiano, Mario Draghi, si sono incontrati alla Casa Bianca. I due leader hanno confermato la forte e ampia partnership tra i due Paesi, riflessa nei profondi e duraturi legami “tra i nostri popoli e le nostre nazioni”, dei quali sono componenti fondamentali “la nostra alleanza” in ambito Nato e il partenariato tra Stati Uniti e Ue. Inizia così la affermazione congiunta diffusa dopo il conversazione. Biden e Draghi, si legge ancora, hanno discusso dei recenti sviluppi della guerra della Russia, non provocata e non giustificata, in Ucraina, sottolineando il loro costante impegno per il perseguimento della pace, sostenendo l’Ucraina ed imponendo costi alla Russia. I due leader, per fronteggiare le sfide all’economia globale create dalle iniziative della Russia, hanno discusso misure volte a favorire la sicurezza alimentare e a rimodellare i mercati globali dell’energia. Biden e Draghi hanno anche confermato il loro impegno a lavorare insieme sulle crisi globali determinate da Covid e cambiamenti climatici, insieme al proseguimento della cooperazione sulle sfide condivise della politica estera, comprese Cina e Libia. I due leader attendo con impazienza ulteriori discussioni in occasione del summit del G7 e della Nato di giugno.

02.07 Draghi-Biden, impegno comune anche su Cina e Libia

Joe Biden e Mario Draghi hanno confermato il loro impegno a lavorare insieme sulle crisi globali determinate da Covid e cambiamenti climatici, insieme al proseguimento della cooperazione sulle sfide condivise della politica estera, comprese Cina e Libia. I due leader attendo con impazienza ulteriori discussioni al summit del G7 e della Nato di giugno. Lo si legge sempre nel comunicato congiunto diffuso al termine del conversazione.

01.50 Usa: armi all’Ucraina “parecchio inizialmente dell’invasione”

Gli Stati Uniti hanno inpartiteto armi all’Ucraina “parecchio inizialmente dell’invasione” da parte della Russia. Lo ha detto il portavoce del Pentagono, John Kirby, alla Fox news.
“Gli Stati Uniti hanno detto a tutto il mondo quello che avevano visto fare alla Russia dallo scorso autunno: ammassare truppe al confine con l’intenzione di invadere l’Ucraina”, ha spiegato il portavoce del ministero della Difesa. “Lo abbiamo detto forte e chiaro, da qui ma anche in giro per il mondo, soprattutto in Europa”, ha aggiunto Kirby sottolineando che “non tutti ci hanno creduti. Ma avevamo ragione su ciò che la Russia stava per fare”.

01.40 Usa: 10 generali russi uccisi dalle forze di Kiev

Tra gli otto e i dieci generali russi sono stati uccisi in Ucraina dalle forze di Kiev. Lo ha detto il capo dei servizi di intelligence militare Usa, il generale Scott Berrier, spiegando che il pesante bilancio è dovuto al “ruolo insolito” che i vertici militari di Mosca hanno svolto nella guerra verso l’Ucraina. “Invece di guidare le operazioni a distanza”, ha spiegato Berrier, “i generali russi sono dovuti andare al fronte per assicurarsi che i loro ordini fossero eseguiti”.

01.26 Biden-Draghi: discusso misure sicurezza alimentare ed energia

Nel loro inverso nello studio Ovale Joe Biden e il premier Mario Draghi, “di fronte alle sfide economiche globali create dalle azioni russe, hanno discusso misure volte a rafforzare la sicurezza alimentare e a rimodellare i mercati energetici globali”: lo si legge nella sintesi del conversazione diffuso dalla Casa Bianca in cui si sottolinea che proseguirà “il costante impegno per il perseguimento della pace sostenendo l’Ucraina ed imponendo costi alla Russia”.

 

Draghi alla Casa Bianca: “Putin pensava di dividerci, ma ha fallito”

Rome
cielo coperto
20.2 ° C
21 °
19.8 °
95 %
2.1kmh
100 %
Gio
20 °
Ven
25 °
Sab
27 °
Dom
31 °
Lun
28 °
Rimani Connesso
16,985FansMi piace
2,458FollowerSegui
61,453IscrittiIscriviti
Devi Leggere
Notizie Correlate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui